Modena, 8 marzo 2019

Nel giorno della festa della Donna si è svolta a Modena nella splendida Accademia Militare la cerimonia del c.d. “giuramento”.
Gli Allievi Ufficiali del 200° Corso “Dovere” hanno prestato solenne giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.
Prima di aggiungere particolari dell’evento ritengo importante, proprio in questa giornata, sottolineare un fatto che forse non è così noto e per questo merita dovuta menzione.

Nel lontano 1669 il Duca Carlo Emanuele II decise di fondare la Reale Accademia di Savoia. Poco dopo l’inizio dei lavori il Duca morì. Tuttavia i desiderata di Carlo Emanuele vennero portati avanti dalla vedova Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours, Duchessa di Savoia, reggente dello Stato in vece del figlio minore Vittorio Amedeo. Nel 1677 la Duchessa inviò il bando a tutte le Corti d’Europa, redatto in più lingue e l’apertura dell’Accademia avvenne il 1 Gennaio 1678.
Si può quindi affermare che se l’Accademia fu desiderata dal Duca Carlo Emanuele, si deve la sua realizzazione e sviluppo alla Duchessa. Questa istituzione ha letteralmente stravolto il ruolo delle milizie, non più meri mercenari bensì uomini formati ed educati al culto del dovere, della fedeltà e degli ideali di patria.

Tornando alla cerimonia odierna alla quale ho avuto l’onore di partecipare posso dire di aver respirato davvero l’aria che solo chi vive la vita dell’Accademia ha il privilegio di respirare ogni giorno. Sicuramente il mio sentire è quello di una persona particolarmente sensibile, che si emoziona fino alle lacrime quando vede tanti ragazzi e uomini che dedicano la loro intera vita per onorare una bandiera, la patria e per rispettare fino in fondo i valori del Dovere (come il nome del  Corso di appartenenza degli Allievi che oggi hanno prestato giuramento), dell’Orgoglio, della Fierezza, della Lealtà e tanti altri ai quali corrispondono relativi Corsi. Questa mattina nel Piazzale D’Onore erano presenti autorità importanti  che hanno reso il loro supporto e incoraggiamento agli Allievi e che hanno ringraziato le Famiglie per l’appoggio e il sostegno ai loro figli permettendogli di seguire un percorso del quale sicuramente beneficeremo tutti noi, perchè quei ragazzi entreranno a far parte, ciascuno seguendo la propria strada, delle élite della nostra società.
Erano presenti il Ministro della Difesa Dottoressa Elisabetta Trenta, il Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Enzo Vecciarelli, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata dei Carabinieri Rosario Aiosa, Medaglia d’Oro al Valore Militare.

Un momento emozionante, che fa riflettere, che destabilizza tanto è ampia la forbice di quell’aria rispetto a quella fuori dal Palazzo. Gli esseri umani non nascono buoni o cattivi ma possono diventarlo. Come il Duca prima e la Duchessa poi hanno dato  a degli uomini dei valori per i quali vivere e morire altrettanto dovremmo fare tutti noi civili con i figli, educarli ai valori, alla disciplina all’attaccamento a qualcosa che non si compra e non si vende come può essere solo un ideale.

Con ancora l’emozione nel cuore invio il mio più sincero augurio a tutti gli Allievi del 200° Corso “Dovere”.

Foto: Barbara Prampolini

Share: